La Firenze dell’arte attraverso quattro mostre uniche. Da Guttuso, Fontana e Schifano Carsten Höller Stefano Mancuso Palazzo StrozziDa Alexander Calder a Palazzo Medici Riccardi a Eliseo Mattiacci a Forte Belvedere.

 

NASCITA DI UNA NAZIONE

STROZZI-e1522447668436.jpg

C’è tempo fino al 22 luglio per vedere a Palazzo Strozzi Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano. Un racconto tra l’arte, la politica e la società nell’Italia tra gli anni Cinquanta e la contestazione del Sessantotto. Un viaggio tra le opere di Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Mario Merz e Michelangelo Pistoletto.

Cosa rappresenta questa mostra? Il fermento culturale di una nazione giovane, appena uscita dalla guerra, in trasformazione. Il ventennio in cui prende forma una nuova idea di arte. La nuova straordinaria vitalità di linguaggi, materie e forme. Un itinerario artistico tra Realismo e Astrazione, il trionfo dell’Arte Informale, le sperimentazioni della Pop Art, le esperienze della pittura monocroma, i nuovi linguaggi dell’Arte Povera e dell’Arte Concettuale.

Info: https://www.palazzostrozzi.org/mostre/nascita-di-una-nazione/

 

THE FLORENCE EXPERIMENT

122911791_7907

Sempre a Palazzo Strozzi, dal 19 aprile al 26 agosto 2018, c’è qualcosa di straordinario, un nuovo progetto site-specific dell’artista Carsten Höller e dello scienziato Stefano Mancuso, a cura di Arturo GalansinoThe Florence Experiment. Un’esperienza più che una mostra. Arte e scienza insieme. L’interazione tra piante ed esseri umani. Due monumentali scivoli che dal loggiato del secondo piano arrivano al cortile con una discesa di 20 metri di altezza e un laboratorio nella Strozzina collegato alla facciata del palazzo.

Carsten Höller è celebre per la sua riflessione tra arte, scienza e tecnologia. Per questo progetto collabora con Stefano Mancuso, fondatore della neurobiologia vegetale, che si occupa di studiare l’intelligenza delle piante. Dei visitatori, scelti in maniera casuale, portando con loro una pianta di fagiolo scendono gli scivoli e prendono parte all’esperimento. La pianta, una volta consegnata al team di scienziati, viene analizzata e confrontata con i risultati di quelle che sono state fatte scendere da sole e di altre che, invece, non hanno affrontato la discesa.

Info: https://www.palazzostrozzi.org/mostre/the-florence-experiment/

 

GONG

mattiacci-1.jpg

Dopo Giuseppe Penone, Antony Gormley, Jan Fabre e Ytalia, quest’anno Forte Belvedere ospita Gong, una imponente mostra antologica dedicata a Eliseo Mattiacci. Tra i grandi protagonisti dell’arte contemporanea, pioniere dell’avanguardia italiana della fine degli anni Sessanta, artefice della sperimentazione della scultura. Iconografie cosmologiche e nuove relazioni concettuali tra arte e natura, tra uomo e ambiente. Le sue opere sono state definite come “un esercizio sciamanico volto a esplorare il sublime del cosmo”.

Lo scenario mozzafiato del Forte Belvedere e le opere magiche di Mattiacci daranno vita ad una delle più belle mostre del 2018.

Info: http://musefirenze.it/mostre/eliseomattiacci/

 

I MONDI DI CALDER

7d88f496d72056cef5f08d268a9a6164_L

Segnate queste date: 28 aprile – 29 luglio 2018. Sono l’inizio e la fine di una preziosa esposizione a Palazzo Medici Riccardi su Calder e le opere che donò alla città di Spoleto. Il percorso della mostra è fatto di opere scultoree ma anche lettere, disegni privati, bozzetti in anteprima, gioielli, fotografie dell’artista e altre sue invenzioni. Tracce di un amore speciale tra Calder e Spoleto.

Info: http://www.cittametropolitana.fi.it/mostre-i-mondi-di-calder-in-palazzo-medici-riccardi/

F.

 

 

 

 

 

Posted by:Federica Gerini

Fabrianese di nascita ma fiorentina di adozione, con la passione per i viaggi, la fotografia e l’architettura. Classe 1991, Pesci, colleziono serialmente cose. Laureata in Architettura, indosso mocassini e ascolto indie rock. Leggo libri e vedo film. Scrivo su una Moleskine. Collaboro e scrivo per magazine di viaggi, arte, architettura e lifestyle come National Geographic Traveler, Viaggio nel Mondo, FUL – Firenze Urban Lifestyle e Artribune. Se mi chiedessero di descrivermi tramite una citazione sceglierei: “Le nostre valigie logore stavano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevano altro e più lungo cammino da percorrere. Ma non importa, la strada è vita.” (On the road – J. Kerouac) Questo spazio è il mio personale diario di bordo con appunti, magari qualche consiglio e tante tante fotografie. F.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...