Cosa vedere a Copenaghen pt.3 – tutte le novità!

Copenaghen: città inarrestabile. Ci sarà sempre qualcosa di nuovo che non hai visto la volta precedente.

Pt.3? Si parte 3, perchè ci sono anche la parte 1 e la parte 2 – allego link: Copenaghen pt.1 e Copenaghen pt.2. Prego.

Ero già stata a Copenaghen tre anni fa. La città mi era piaciuta molto, tanto da inserirla nelle mie preferite in assoluto. Tornandoci credevo di non avere molto da vedere di nuovo. Invece no…

Questa volta ho acquistato la Copenhagen card. Rimanendo in città per 5 giorni ho scelto quella da 120 ore – per l’appunto 5 giorni. 133 euro spesi benissimo. Tutti i trasporti (vedere mappa qui sotto) e 87 attrazioni inclusi, di cui anche il giro turistico in battello e/o treno. Facendo un rapido calcolo prima di partire avrei speso quella cifra solo per andare a Roskilde al RagnaROCK e tornare.

Copenaghen

Tra le attrazioni incluse compariva il Den Blå Planet – National Aquarium Denmark. Quale migliore occasione per visitare il più grande acquario del Nord Europa se non questa? Scelta super azzeccata. L’edificio aperto al pubblico nel 2013 è stato progettato da 3XN. E’ un museo scientifico immersivo, che conquista gli amanti del mondo animale ma (e soprattutto) gli architetti. La struttura riprende la sinuosità delle onde e smaterializza il passaggio tra terra e mare. Con l’ingresso, che vede in un nanosecondo trasformarsi l’acqua in forma, è subito amore a prima vista.

Den Ba Planet

Da qui per continuare la giornata all’insegna del mondo della fauna e della flora ci siamo diretti allo Zoo. Qui ad ognuno degli animali è stato ricreato il proprio ambiente naturale e hanno grandi spazi. Certo la sensazione comunque è pur sempre quella di essere in uno zoo. Un’area che ci ha colpito è quella dei canguri che scorrazzano per il parco e tu sei li che cammini in mezzo a loro.

Zoo

Per la sezione #ArchitectureLovers a Copenaghen ha appena aperto il BLOX – Danish Architecture Center. Con la firma di OMA arriviamo direttamente nell’iperspazio e non vogliamo più scendere. Direttamente sul canale si innesta alla perfezione in un mondo – quello danese – fatto di antichi tetti a punta e della grande modernità delle nuove realizzazioni. Allestimento pazzesco all’interno.

Dopo il giro in battello – un modo diverso per vedere alcuni dei quartieri – ci siamo andati a godere un pò di sole a Israel plads. Questa piazza si è trasformata da parcheggio senza anima a spazio spazio vivo e vitale. Bambini che giocano dopo scuola, street food market dall’altro lato della strada, campetti da basket e skatepark. Il tutto condito con la cura e il design di COBE, che oggi ne ha fatto uno dei luoghi più interessanti della città.

Ultima chicca di questa Copenaghen pt.3: il Park ‘n’ Play di JAJA Architects. Accanto al più che noto SILO che da qui vedrete in una prospettiva tutta nuova. Quasi da toccarlo con un dito. Ma torniamo al Park ‘n’ Play. Siamo a Nordhavn, quartiere in fase di sviluppo. Oggi la zona è conosciuta come il Quartiere Rosso per gli edifici storici dai mattoni rossi. Il suo futuro si baserà proprio su questa caratteristica, che andrà ad unire esistente e nuovo. E questo parco/parcheggio è tutto rosso. Alla base: il parcheggio. Sul tetto: il parco giochi. Un progetto davvero riuscito, in cui un parking non significa solo contenitore ma diviene attrazione. Non una cattedrale nel deserto del porto di Copenaghen ma uno spazio divertente in cui voler andare – anche se siete dall’altra parte della città.

F.

English version

Copenhagen: unstoppable city. There will always be something new that you haven’t seen the previous time.

Pt.3? Part 3, because there are also part 1 and part 2 – I enclose link: Copenaghen pt.1 e Copenaghen pt.2. You are welcome.

I had already been to Copenhagen three years ago. I really liked the city, so much so that I included it in my absolute favorites. Coming back, I thought I didn’t have much to see again. But not…

This time I bought the Copenhagen card. Staying in the city for 5 days I chose the one for 120 hours – exactly 5 days. 133 euros well spent. All transport (see map below) and 87 attractions included, including the tour by boat and / or train. Making a quick calculation before leaving I would have spent that amount just to go to Roskilde at RagnaROCK and come back.

Copenaghen

Among the attractions included was the Den Blå Planet – National Aquarium Denmark. What better opportunity to visit the largest aquarium in Northern Europe than this? Super apt choice. The building opened to the public in 2013 was designed by 3XN. It is an immersive scientific museum, which conquers lovers of the animal world but (and above all) architects. The structure resumes the sinuosity of the waves and dematerializes the passage between land and sea. With the entrance, which sees water transform into water in a nanosecond, love is immediately visible at first sight.

Den Ba Planet

From here to continue the day in the world of fauna and flora we headed to the Zoo. Here each of the animals has been recreated its natural environment and have large spaces. Of course, the feeling is still that of being in a zoo. One area that struck us is that of the kangaroos that roam the park and you are there walking among them.

Zoo

BLOX – Danish Architecture Center has just opened for the #ArchitectureLovers section in Copenhagen. With the signing of OMA we arrive directly in hyperspace and we no longer want to go down. Directly on the canal it is grafted to perfection in a world – the Danish one – made of ancient pointed roofs and the great modernity of new constructions. Crazy set up inside.

After the boat ride – a different way to see some of the neighborhoods – we went to enjoy some sun at Israel plads. This square has transformed itself from a parking lot without a soul to a living space that is alive and vital. Children playing after school, street food market across the street, basketball courts and skate parks. All seasoned with the care and design of COBE, which today has made it one of the most interesting places in the city.

Last gem of this Copenhagen pt.3: the Park ‘n’ Play by JAJA Architects. Next to the well-known SILO that you will see from here in a completely new perspective. Almost to touch it with a finger. But back to Park ‘n’ Play. We are in Nordhavn, a developing area. Today the area is known as the Red Quarter for historic buildings with red bricks. Its future will be based on this characteristic, which will unite existing and new. And this park / parking lot is all red. At the base: the parking lot. On the roof: the playground. A really successful project, in which parking does not just mean container but becomes an attraction. Not a cathedral in the desert of Copenhagen’s port but a fun space you want to go to – even if you’re on the other side of the city.

F.

Un pensiero su “Cosa vedere a Copenaghen pt.3 – tutte le novità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...